Gli insetti che vengono introdotti nelle colture sono comunemente chiamati organismi di controllo biologico. Il potenziale di questa tecnica è sorprendente. In pratica, è possibile ridurre o eliminare l’applicazione di pesticidi. Inoltre, queste sostanze chimiche finiscono per generare dipendenza nella coltura e aumentare la resistenza dei parassiti ai materiali attivi, questo significa che quando gli insetti parassiti si abituano a detto materiale attivo, la dose deve essere aumentata nelle seguenti applicazioni, il che diminuisce notevolmente l’efficacia dei trattamenti, possono anche eliminare la fauna ausiliaria nativa e aumentare i costi anno dopo anno. Il controllo biologico rompe questa equazione, poiché gli organismi introdotti si depositano nel raccolto e riappaiono quando aumenta il numero di insetti parassiti. Esempi di controlli biologici utilizzati in base alla loro efficienza sono: Bacillus thuringiensis, Verticillium Lecanii, Beaveria bassiana e Cephalonomia stephanoderis, ciascuno dei quali controlla uno o più tipi specifici di parassiti in colture essenziali di interesse economico.
#control#biologico

Anteprima immagine
Anteprima immagine
Anteprima immagine
Anteprima immagine
https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:7013883228360957952?utm_source=share&utm_medium=member_desktop