22 Agosto 2022 in Rivista ,  America      

Masaki Shimono è entrato a far parte del College of Agriculture, Biotechnology & Natural Resources presso l’Università del Nevada, Reno, come ricercatore, studiando i microbi benefici per migliorare e mitigare le malattie nelle patate durante la conservazione.

Secondo un’Università del Nevada Notizia ,https://www.unr.edu/nevada-today/news/2022/masaki-shimono-profile, si è unito a Patricia Santos, assistente professore di interazioni pianta-microbo nel Dipartimento nel suo laboratorio per condurre ricerche per l’industria alimentare. Shimono, un esperto di meccanismi di resistenza delle piante contro i batteri, sta esaminando come le condizioni di conservazione a lungo termine influenzino le patate in termini di perdita d’acqua e decadimento delle malattie dovute alla pianta agenti patogeni .https://it.potatoes.news/?s=pathogens 

Il marciume molle e quello secco, causati rispettivamente da batteri e funghi, sono due importanti malattie oggetto di studio.

Shimono, in collaborazione con Santos e il suo team, sta trattando queste patate con diversi tipi di microbi benefici, sperando di aiutare i produttori di alimenti a conservare in modo efficiente le patate per prodotti come le patatine, nel tentativo di evitare lo spreco di prodotti preziosi e perdite finanziarie.

I due stanno anche collaborando con il Professore Associato Dylan Kosma e il suo team di laboratorio, che stanno aiutando a somministrare i trattamenti. Il Kosma Lab sta esaminando come suberina, un biopolimero vegetale che si trova nella buccia delle patate, può aiutare a proteggere i tuberi dal loro ambiente.

“Ho deciso di studiare negli Stati Uniti a causa delle pratiche agricole uniche”, ha detto Shimono. “Ero entusiasta dell’opportunità di condurre ricerche in Nevada, in particolare su una coltura vitale come le patate”.

Dopo aver conseguito il dottorato presso la Tsukuba University in Giappone, Shimono ha lavorato come ricercatore associato presso la Michigan State University concentrandosi sulle interazioni microbiche nei percorsi molecolari di alcune piante.

Questo progetto di un anno, iniziato lo scorso ottobre, mira a imitare le condizioni in cui vengono conservate le patate dopo essere state raccolte, il che include l’essere in ambienti umidi con temperature intorno ai 50 F. Queste condizioni medie sono perfette per lo sviluppo di malattie. La perdita d’acqua dei tuberi è una conseguenza inevitabile dei periodi di conservazione a lungo termine, che provoca la raggrinzimento e il danneggiamento delle patate, rendendole inutilizzabili. 

Shimono e il laboratorio Santos sperano di continuare questa ricerca una volta completate le analisi iniziali.

https://it.potatoes.news/univ-of-nevada-researcher-studying-beneficial-microbes-potato-storage-diseases/Daily-News